La chirurgia della cataratta
Collegamenti
Alcuni modelli di IOL: si notano differenze nella dimensione e nella geometria
Contatti

ATTENZIONE:
QUESTA PAGINA NON INCLUDE CONTENUTI PERICOLOSI.
EVENTUALI AVVISI DI PROTEZIONE SI RIFERISCONO AI FILMATI.

Approfondimenti
Tecniche storiche
Crioestrazione: la sonda a -70°C si attacca alla superficie della cataratta e ne permette l'estrazione. Clicca per visualizzare il filmato.
Tecnica ECCE: estrazione della cataratta attraverso una larga incisione al bordo corneale superiore; la capsula del cristallino è conservata e consentirà l'impianto di IOL.
L'intervento per cataratta consiste, in sostanza, nell'estrazione del cristallino catarattoso e nella sua sostituzione con un cristallino artificiale (nell'uso comune denominato "lentina" o "IOL", dall'inglese Intra-Ocular Lens).

La tecnica attuale di estrazione della cataratta è nota come facoemulsificazione ed utilizza sofisticate sonde ad ultrasuoni, in grado di frammentare ed aspirare la cataratta stessa attraverso un'incisione limitata (normalmente circa 3 millimetri).

Nell'immagine a sinistra, l'operatore ha praticato un'incisione "a croce" dividendo la cataratta in 4 quadranti che saranno poi aspirati singolarmente. L'animazione a destra mostra il funzionamento del facoemulsificatore ad ultrasuoni.

Le IOL hanno un diametro che va dai 5 ai 7 millimetri. Per evitare di allargare il taglio si impiegano IOL pieghevoli, che sono introdotte attraverso l'incisione da 3 millimetri e riprendono la forma all'interno dell'occhio.

In questo modo, il traumatismo chirurgico è ridotto al minimo e la sutura non è necessaria nella maggior parte dei casi. Spesso, dopo poche ore l'occhio è già in grado di funzionare. 

La foto mostra un occhio alla fine dell'intervento con la IOL perfettamente centrata.

 

 

Progetto e realizzazione del sito: Romolo Fedeli

In ottemperanza alle norme di etica medica ed alle disposizioni correnti sulla privacy, tutti i dati (inclusi quelli personali) inviati a questo sito sono tutelati da segreto professionale e non verranno divulgati per nessun motivo. Le informazioni fornite su questo sito intendono completare, e non sostituire, le relazioni esistenti tra pazienti/visitatori ed i loro medici curanti. Questo sito è ospitato nel dominio della Fondazione Bietti per l'Oftalmologia - Onlus ed è stato progettato e realizzato dall'Autore. Testi, foto e disegni sono originali e non violano leggi sul copyright. Il sito non imposta cookie, è finanziato con fondi personali e non riceve alcun finanziamento commerciale.

Pagina aggiornata il: 18 settembre 2010

Numero di accessi a questa pagina:  16651

 Use OpenOffice.org
Sito segnalato da cercasalute.it