Domande frequenti ...
Collegamenti
Contatti
...sul DISTACCO DI RETINA
Perché il distacco di retina è più frequente nei miopi?
La miopia dipende sostanzialmente da un allungamento dell'occhio in senso antero-posteriore. Stando così le cose, anche la retina deve allungarsi per coprire una superficie maggiore e, pertanto, si assottiglia e presenta più facilmente smagliature ed aree deboli; per lo stesso motivo il distacco del vitreo è più frequente e più precoce. Puoi consultare la pagina della miopia per informazioni più dettagliate.
Il distacco di retina è più frequente negli occhi operati di cataratta?
Si, anche se l'intervento di cataratta è perfettamente eseguito. Le tecniche moderne di estrazione della cataratta (facoemulsificazione) hanno ridotto ma non annullato questo rischio.
Due anni fa ho avuto un distacco di vitreo. Ora rischio un distacco di retina?
In linea di massima no. Il momento più critico è rappresentato dalle prime ore e, in alcuni casi, dai primi giorni dopo il distacco del vitreo; trascorso tale periodo, il rischio di lesioni retiniche degrada rapidamente.
Le "mosche volanti" sono un sintomo pericoloso?
Non sempre. La presenza di qualche puntino mobile nel campo visivo è un fatto innocuo e molto comune; la comparsa improvvisa di punti e corpi mobili, invece, deve mettere in allarme perché può essere la spia di un distacco del vitreo o di una lesione della retina.
E' vero che il distacco di retina è più frequente nei mesi caldi?
Si, perchè la perdita di liquidi con la sudorazione e la traspirazione provocano una disidratazione del vitreo, facilitandone la contrazione ed il distacco.
Ho sentito dire che si può prevenire il distacco di retina con un trattamento laser. E vero?
Si, in determinati casi, e cioè quando vengono identificate, nel corso di una visita oculistica, aree degenerative (cioè aree deboli) nella retina. Queste aree possono essere isolate con uno sbarramento argon-laser dalla retina circostante. Il trattamento laser in assenza di aree degenerative è generalmente sconsigliato.
Ho subito un intervento per distacco di retina (cerchiaggio e piombaggio); il mio oculista dice che è perfettamente riuscito, ma io vedo annebbiato...
Il recupero della vista dopo un intervento per distacco di retina può essere lento e graduale, ed a volte è purtroppo incompleto. Molti fattori sono in gioco, tra cui: l'estensione del distacco, l'eventuale coinvolgimento della retina centrale, il tempo trascorso prima dell'intervento, eventuali opacità residue del vitreo.
Il distacco di retina può recidivare?
Si, nel 20-30% dei casi.. Se questo accade è necessario un nuovo intervento.
Che cos'è la PVR?
Per PVR (Proliferazione Vitreo-Retinica) si intende una grave complicanza del distacco di retina, caratterizzata dalla formazione di membrane fibrose nel vitreo e sulla superficie retinica, che distaccano completamente la retina e la rendono rigida. In questi casi, è d'obbligo la vitrectomia. L'argomento è trattato nella pagina della chirurgia vitreo-retinica.
La vitrectomia predispone alla cataratta?
Si, in particolare quando vengono utilizzati mezzi tamponanti (gas oppure olio di silicone).
Quando bisogna rimuovere l'olio di silicone?
Si tratta di una questione delicata. In linea di massima, dopo 2 o 3 mesi dall'intervento si può dire l'olio di silicone ha normalmente esaurito la sua funzione e può essere rimosso. Tuttavia, esistono numerosi fattori che inducono ad anticipare o a ritardare la rimozione dell'olio: l'aumento o la diminuzione della pressione dell'occhio, la presenza di rotture retiniche non trattate o non trattabili (ad esempio: fori su aree atrofiche, fori maculari), recidive parziali del distacco di retina. In sintesi, la decisione va personalizzata.
Il cerchiaggio deve essere rimosso?
Normalmente no: i materiali solitamente impiegati sono altamente biocompatibili e possono restare indefinitamente nell'occhio.
Ho sentito parlare di retina artificiale/trapianto di retina/microchip a Londra/Parigi/New York ...
Si tratta al momento di procedure sperimentali, lontanissime da una applicazione pratica nell'uomo. Purtroppo, dovremo attendere ancora molto per arrivare a questi risultati.

Continua.....

Progetto e realizzazione del sito: Romolo Fedeli

In ottemperanza alle norme di etica medica ed alle disposizioni correnti sulla privacy, tutti i dati (inclusi quelli personali) inviati a questo sito sono tutelati da segreto professionale e non verranno divulgati per nessun motivo. Le informazioni fornite su questo sito intendono completare, e non sostituire, le relazioni esistenti tra pazienti/visitatori ed i loro medici curanti. Questo sito è ospitato nel dominio della Fondazione Bietti per l'Oftalmologia - Onlus ed è stato progettato e realizzato dall'Autore. Testi, foto e disegni sono originali e non violano leggi sul copyright.

Il sito non imposta cookie, è finanziato con fondi personali e non riceve alcun finanziamento commerciale.

Pagina aggiornata il: 15 novembre 2008

Numero di accessi a questa pagina:  77104

 Use OpenOffice.org
Sito segnalato da cercasalute.it